Tao del giorno 171

Altare

Ogni giorno forgio l’acciaio dal mio corpo
e mi avvolgo in luminosi fili di coscienza.
Deposito frutti maturi e fiori profumati,
accendo incenso e rosse candele,
servo té, riso e vino.
Mi cospargo di olii aromatici,
offro cuore ed ossa,
l’altare è la mia incudine,
il sole e la luna i miei carboni,
la disciplina il martello, i polmoni
il mio mantice.

 

I seguaci del Tao hanno altari privati nelle loro case. Ma per chi intraprende il cammino, pregare è uno sforzo assolutamente necessario. Per coltivare veramente lo spirito occorre che esso sia già puro, per questo, se vogliamo ottenere risultati in breve tempo dobbiamo lavorare sia sul piano fisico, sia sul piano mentale.

Concentrandoci sull’altare come base per ogni pratica, ci terremo saldamente ancorati al nostro percorso. Gli atti esteriori si accumuleranno allora come offerte e il corpo stesso diverrà un altare d’acciaio, monumento incrollabile alla devozione spirituale.

Il resto lo troverete nel tao per un anno di Deng Ming Dao

Per leggere gli altri post, clicca nel LINK