L’intervista al Dj e Producer Emil Aiello Emilio

Emil-Aiello-Emilio-Best

L’intervista al Dj e Producer Emil Aiello Emilio

Oggi siamo in compagnia del Dj e Producer Emil Aiello Emilio, titolare della: Urban Jars records e della Quintessenza Records. I suoi generi sono: Deep,House, Teck-house, Techno. Negli anni 90, giovanissimo, ha iniziato mixare in diverse radio… ma andiamo a conoscerlo meglio!

Emil-Aiello-Emilio

Ciao Emil, raccontaci… quando hai iniziato la tua professione di DJ…

Ciao, prima di tutto volevo ringraziarti per la possibilità che mi dai di raccontare un po’ di me e della mia esperienza. Ho iniziato a muovere i primi passi come dj all’età di 15 anni suonando la domenica pomeriggio in discoteca e portando la mia voglia di far divertire la gente nelle feste di compleanno, fatte in casa già negli anni ottanta. Andavano molto di moda tra amici e compagni di scuola. Successivamente ho conosciuto persone del “panorama della notte”… Ho avuto la possibilità di iniziare le mie trasmissioni in un paio di radio facendo alcuni programmi mixati. Da quel momento è nata la mia carriera come di dj…

Il DJ che hai preso come modello?

Non ho un vero è proprio dj al quale mi sono davvero ispirato, perché ho guardato ed ascoltato più generi  musicali e dj per poter carpirne la tecnica, lo stile, il gusto musicale. Quindi ho preferito spaziare piuttosto che “fossilizzarmi” solo su uno. Perché può pregiudicare il proprio stile come, per esempio, alla costruzione di un dj-set.

Che cosa stai facendo in questo momento di stop?

In questo momento storico purtroppo duro per tutti, sto cercando di focalizzarmi su progetti futuri. Con la radio che collaboro – Radio House Music – ci siamo impegnati in un progetto benefico denominato “House in the house Home Edition” per cercare di raccogliere dei fondi da donare in beneficenza; nel quale abbiamo coinvolto tanti dj del panorama Nazionale orgogliosi di darci una mano. Li ringrazio anche a nome di tutto lo staff; credo che alla fine siano i fatti più delle parole nei momenti difficili servano per sostenerci.

La prima cosa che faresti dopo questa quarantena?

Beh sicuramente la prima cosa che farò, quando si potrà uscire da questa costrizione, è andare a trovare mio fratello che vive da solo per lavoro a Milano. Ha attraversato davvero un momento brutto e di paura senza potersi muovere. Poi ovviamente ritroverò tutti gli amici e le varie persone con le quali collaboro, per metterci subito sotto con l’organizzazione di un party, per ripartire da  tutto questo terrore bisogna fare un po’ di baldoria.

Il tuo genere “musicale” perferito?

I generi musicali che preferisco spaziano dalla House alla Techno e anche durante la costruzione dei miei set, cerco di toccare tutte queste sonorità. Amo i set che propongo, dinamici e non statici.

Oltre che Dj sei un Producer, raccontaci le tue ultime creazioni…

Sì da qualche anno mi sono avvicinato anche al mondo della produzione. Ho iniziato nel 2009 con la mia prima uscita, successivamente con varie collaborazioni sono arrivato a quello che è stato il mio ultimo lavoro su “Mooncircles Lab il mio After ep”, un Ep composto da tre tracce che ha avuto un notevole successo ed è stato supportato anche da Marco Carola, Seam Divine ed altri.

Qual è stata la tua esperianza più emozionante?

Guarda di esperienze emozionanti ne ho tante da raccontare per fortuna… ormai faccio il dj da trent’anni e ne ho passate di belle e di brutte. Comunque l’emozione più grande è sempre quella di trovarsi davanti a cinquemila persone… come davanti a cento… tutto sta in come ti poni tu ed in come ti percepisce il pubblico. Ancora oggi personalmente mi emoziono anche a ricevere un semplice “Bravo”  dalla gente quando balla la mia musica. Durante i miei set i guardo molto la gente e cerco di carpire le loro emozioni attraverso la musica che propongo, quindi ti dico con sincerità: l’esperienza più emozionante la percepisco sempre quando sono io ad emozionare il pubblico con la mia performance.

Quale consiglio daresti ai giovani dj per sfruttare questo momento difficile?

Il consiglio che mi sento di dare è quello di ascoltare molto, ascoltare tanti dj, ascoltare tanta musica anche se apparentemente non è di vostro gusto o non rientra nei vostri canoni di un futuro set, perchè ragazzi la cultura musicale è la base di tutto e questo dovete metterlo in testa. E’ inutile spoilerare la play-list di dj famosi riproporla e sperare, anzi essere convinti di avere lo stesso successo. Scordatevi questa regola perché altrimenti non avrete mai una vostra personalità ed un vostro stile. Per cominciare  se volete arrivare davvero da qualche parte, dovete farvi prima di tutto una cultura musicale, quindi sfruttate questo momento di quarantena per studiare e arricchire il vostro bagaglio artistico. Vi auguro di arrivare in alto.

Emil-Aiello-Emilio

Emil Aiello Emilio

Contatti:

facebook

ibizaliveradio

beatport


Per leggere le altre interviste, clicca nel LINK


 

Cart Item Removed. Undo
  • No products in the cart.