L’intervista a Raimondo Rossi

Intervista Ray Morrison

Raimondo Rossi, o Ray Morrison per alcuni media, perugino, ha iniziato come blogger ed ora si dedica a direzioni creative, styling e fotogiornalismo. È molto seguito sia in Italia che all’estero poiché è una persona che sa trasformarsi, sia nello stile che nel lavoro, toccando con un mood molto personale, quasi emozionale, i lavori di cui fa parte o di cui scrive l’idea. Ma andiamo a conoscerlo meglio…

Ciao Raimondo, parlaci un po di te, del tuo percorso di studi, delle tue passioni, delle tue doti artistiche.

Buongiorno, innanzitutto grazie per l’intervista, è un piacere e un onore essere qui con voi. Il mio percorso di studi è stato molto classico: prima il liceo scientifico, poi una laurea in matematica. Dopo la laurea, ho iniziato a coltivare interessi diversi, fra cui danza contemporanea, teatro, videoarte. Poi, a inizio 2015, mi è stato chiesto di indossare dei capi per uno stilista romano, e da lì, alcune persone che lavorano nella moda, mi hanno suggerito di iniziare a fare qualche foto di reportage (avevo fatto dei mesi di corso di fotografia) : ho iniziato così a “frequentare” la moda. Subito dopo, mi hanno contattato due riviste inglesi, ASBO e FabUK, per organizzare degli shooting, dirigerli, e curarne lo Styling. Il resto poi è abbastanza conosciuto. Con il passare dei mesi, ho capito che la mia passione più grande è far vedere come la bellezza possa essere trovata con semplicità, e ovunque, in una fotografia, in uno Styling, in una scrittura. Rimanendo umili e veri. 

Hai avuto qualche modello di riferimento?

A dire la verità, no. Credo che sia bene non avere nessun modello di riferimento, non ispirarsi a nessuno in particolare, perché questo potrebbe fuorviare la nostra formazione, la formazione della nostra identità artistica. Non credo che per ideare una Shooting si debbano andare a guardare fotografie di altre persone. Quello che va fatto è cercare l’immagine dentro di noi. Lo stesso per creare un outfit, non bisogna di certo andare a vedere come si vestono gli altri. Così facendo, costruiamo una nostra identità, facilmente riconoscibile nei nostri lavori.

Cosa ti appassiona di più? Esperienza che ti hanno emozionato maggiormente?

Come dicevo prima, quello che mi appassiona è poter essere una fonte di positività e ispirazione per altre persone, diffondendo il messaggio che nessuno è più bravo degli altri, che tutti noi possiamo creare, nello stile, nella fotografia, nell’arte, qualcosa di molto bello e apprezzato. Nella moda, per esempio, è pieno di persone che sono là solamente per raccomandazioni o per altri tipi di favori. 

L’esperienza che ricordo con maggior piacere è sicuramente la mia collaborazione con un’artista americano, David, che seguivo addirittura prima che lui mi contattasse, poiché è una delle persone che riesce a trasmettermi della bellissima energia. La vita ha voluto che poi lui mi chiedesse una collaborazione per il video della sua ultima canzone. Styling per la precisione. 

È stupendo come l’universo porti ad incontrarsi. 

Un’altra cosa che ricordo con grande piacere è un invito, proprio ora a Giugno, a Beverly Hills per un party esclusivo dove erano state selezionate 120 persone da tutto il mondo, e anche in quel caso non conoscevo nessuno personalmente: sono stato apprezzato e scelto grazie ai miei lavori.

Com’è Raimondo caratterialmente? Pregi e difetti?

Il mio pregio credo che sia quello di essere una persona che non sa cosa sia l’invidia, molto sincero e tranquillo con tutti, forse un po’ troppo ingenuo. 

I miei difetti sono tanti ovviamente, per esempio essere troppo cervellotico, troppo pignolo, a volte lento nelle decisioni.

Qual è il ruolo, fra i tanti che hai maturato, che prediligi?

Sicuramente la direzione artistica. Mi piace poter avere un team con fotografi, parrucchieri, videomakers, modelli, eccetera, farli lavorare tutti insieme, scrivendo e creando l’idea di base, e poterla realizzare con loro. Affinché il nostro lavoro possa dare un messaggio importante e sia una buona ispirazione per il pubblico.

Cosa ti piace e cosa detesti nelle persone?

Quello che mi piace è sicuramente una persona che non molla mai, che anche nelle difficoltà sa essere forte: è una buona ispirazione. Non amo le persone introverse, amo chi ama aprirsi e ama condividere con gli altri la propria comprensione della vita ed esperienza. 

Quello che non sopporto invece nelle persone è l’astio, le persone invidiose, quelle che quando vai a cercare il loro sguardo ti ricambiano con una smorfia o un atteggiamento da regine insoddisfatte. E il mondo ne è abbastanza pieno.

La donna che ammiri di più? L’uomo invece?

È davvero molto difficile rispondere a questa domanda, non è facile scegliere un uomo o una donna solamente. Perché anche se mondo ci sono e ci sono state delle carriere o delle vite “importanti”, visto che non li conosco personalmente non posso essere sicuro di stimarli come persone. Sicuramente fra i famosi ammiro chi si è fatto notare per altruismo. E gli adolescenti, ci vogliono le palle per sopportare certi genitori e ambienti italiani, ancora pieni di giudizi e consigli non richiesti. 

Sogni e desideri che vorresti realizzare?

Mi piacerebbe gestire un bel servizio di comunicazione, come una rivista globale, dove si possa dar spazio a persone vere, sincere, che siano dotate di vero talento e non di raccomandazioni. Vorrei dare spazio a tutte le forme di bellezza, distruggendo ogni stereotipo. 

A livello personale, vorrei fare questo viaggiando, e farlo vicino o insieme alle persone che amo. 

In futuro dove ti piacerebbe vivere e con chi?

Visto che adoro viaggiare, mi piacerebbe avere almeno tre città su cui dividermi. Come faccio ora, magari in maniera più strutturata. Potrebbero essere Milano, Los Angeles, Izmir. Respirare ambienti diversi per me è importantissimo, oltre che una fonte di apprendimento. Anche un mese all’anno nell’estremo oriente sarebbe molto bello. Dove il tempo scorre in maniera diversa.

Con chi? Beh… con una bella family magari, partner e figli con me sarebbe davvero il top.

Vorrei ringraziare ancora Best Entertainment, un caro saluto a tutti i vostri lettori. 

Raimondo Rossi

Contatti:

facebook

instagram

Per leggere le altre interviste, clicca nel LINK


Foto di Alessandro Amico e Liu Yang