“Una buona educazione alimentare”

“Una buona educazione alimentare”

Per una buona educazione alimentare si ricorre alla piramide alimentare che rappresenta la composizione dei pasti giornalieri nella giusta misura dei vari gruppi di alimenti. Come si legge la piramide? La suddivisione è per piani orizzontali: alla base di essa stanno i cibi che si devono consumare maggiormente, man mano che si sale, i piani si restringono perché ci sono i cibi che devono essere consumati in minore quantità. Esistono vari tipi di piramidi, si differenziano a seconda dei luoghi dove vengono utilizzate, cioè rispettano le usanze dei popoli diversi per le etnie oppure rispettano le esigenze dei vegetariani o vegani. La piramide alimentare che è più vicina a noi è quella che rispetta la dieta mediterranea. Alla base di questa c’è molta frutta, verdura, legumi, pane, pasta, riso, patate, polenta, orzo, cereali,cous cous… al piano superiore ci sono: carne bianca, pesce, latte e latticini, olio extravergine d’oliva; al vertice invece troviamo carne rossa, uova, dolci, tutte cose che dobbiamo usare con parsimonia. Naturalmente non bisogna dimenticarsi che l’attività fisica è altrettanto importante come l’alimentazione. È risaputo che diecimila passi al giorno “tolgono il medico di torno”. Tra tutti gli alimenti elencati ce ne sono due particolarmente importanti per la nostra salute: sono i legumi e i pesci, due risorse da utilizzare spesso. I legumi sono un’ottima fonte di proteine, quasi come la carne, se associati ai cereali formano piatti completi ed equilibrati dal punto di vista proteico, glucidico e calorico. Quindi pasta e fagioli, riso e piselli, zuppe di pane e legumi sono piatti unici dal valore nutrizionale completo. E i pesci quali scegliere? Sono da preferire pesci di stagione e nostrani: i pesci di stagione sono quelli che non si trovano in fase riproduttiva, i pesci nostrani sono quelli che vivono nei nostri mari. Comunque una buona cultura alimentare serve a preservare il nostro stato di salute, impariamo a valorizzare quanto di buongiorno e salubre ci possono offrire i cibi ben prodotti.