L’intervista a El Rio, musicista e cantante

Oggi intervistiamo un giovane musicista e cantante.

Prima di iniziare l’intervista mi sembra giusto fare una piccola prefazione. El Rio è nato il primo Aprile 1995 in Brasile a San Salvador de Bahia. Ha passato i primi 3 anni della sua infanzia in un orfanotrofio, nel quale il suo unico amico era una tartaruga.
All’età di 3 anni è stato adottato da una famiglia italiana, con i quali ha iniziato la sua vera vita.
Arrivato in Italia ha imparato l’italiano dimenticando il portoghese ma senza cambiare quello che è il suo carattere iperattivo tipico dei sudamericani. Non ha mai scoperto perché fosse stato abbandonato appena nato, perché la sua vera madre è stata colei che l’ ha cresciuto e continua a farlo tutt’ora.
Verso i 7 anni, ha scoperto la magia della musica e della danza, ma è sempre stato un bambino timido e non si è mai buttato. A 10 anni ha perso una delle sue nonne più care, mentre a 13 ha perso quello che è stato uno dei suoi più grandi amici d’infanzia. Da quell’anno è cambiato tutto, è diventato molto più spento pensando costantemente alla morte e al pensiero di stare male.
Arrivato alle superiori era già un ragazzo diverso, più freddo e che dava meno importanza alle cose, poi ha scoperto cosa volesse dire innamorarsi di una ragazza, la stessa ragazza che gli insegnò  cosa volesse dire avere il cuore spezzato, un episodio che gli ha lasciato il segno tutt’ora. Sempre più apatico lasciò la scuola e iniziò a lavorare, poi per grazia di qualcuno lassù ha conosciuto Harry, più piccolo di lui di 2 anni, ma con le delle grandi ambizioni stampate negli occhi…  Insieme nel maggio 2018 hanno iniziato un progetto per poter realizzare i loro sogni… buttandosi alle spalle la timidezza e la paura.

Ora sono El Rio ed ArtisticFlow, e sono pronti per scalare le vette.
La loro storia continua…

 

Ciao El Rio, dove sei nato e dove vivi ora?

Ciao a tutti, sono nato in Brasile a San Salvador de Bahia. Ora vivo in Italia dopo essere stato adottato da una famiglia.

Quando hai capito di essere portato per la musica?

Ho sempre provato a fare musica e qualche freestyle tra compagni di scuola, ma ho capito di essere portato per la musica, quando i pochi veri amici al mio fianco hanno iniziato a spronarmi a fare qualcosa di più serio.

Hai un modello di riferimento?

Ora come ora i miei punti di riferimento sono il cantante Giaime e il suo produttore Andry ed il cantante Salmo.

Cosa raccontano i tuoi brani?

Nei miei brani parlo della mia vita e di quello che ho dentro di me…

Il tuo genere è l’hip hop, se non erro; altri generi musicali che ti affascinano?

Sì amo molto hiphop, però mi piace ascoltare qualsiasi tipo di musica, come quella latina, metal e rock…💪

Com’è El Rio caratterialmente, nodo so pregi e difetti?

Sono sempre stato molto timido ed insicuro delle mie scelte, anche per questo non mi sono buttato subito nell’ambito musicale, però se mi si viene presentata difronte una sfida non mi tiro mai indietro.

Vedi molto te stesso nella musica che produci o è il tuo lato nascosto?

Nelle mie canzoni esalto molto quello che è il mio lato nascosto, cercando di usare anche l’ironia verso me stesso e verso fatti che mi sono accaduti.

Qual è stata la tua esperienza più emozionante finora?

Sembrerà banale ma l’esperienza più bella è stata incidere la mia prima canzone e ricevere il “like” sulla mia foto copertina proprio dal produttore Andry.👍😉

In ambito televisivo ti piacerebbe lavorare? E con chi?

Mi piacerebbe lavorare anche in tv in qualche programma musicale e conoscere grandi artisti come Shade, Fred de Palma, Marracash e Ensi.

In futuro hai dei progetti?

I miei progetti per il futuro sono quelli di raggiungere le vette nelle classifiche musicali e viaggiare in tutta Italia e in tutto il mondo grazie alla musica.
Ps. Tutto questo accompagnato dal mio migliore amico e migliore produttore Artistic Flow (Harry)😁😜

El Rio